Come costruire un team (efficiente) [6 regole]

Come costruire un team

Come costruire un team (efficiente) [6 regole]

Le persone, il terzo elemento del metodo casa-azienda, sono come le pareti di un’abitazione, gli elementi che mettono in comunicazione le fondamenta con il tetto. Le persone consentono all’azienda di funzionare e di camminare per raggiungere la meta che desidera, il suo obiettivo di business, la sua utilità. Senza le giuste persone, dunque, un business difficilmente può crescere. Ecco perché per un’azienda di successo è molto importante scegliere i giusti collaboratori, saper gestire il personale e costruire un team efficiente.

Di come scegliere i collaboratori validi te ne ho parlato qui e qui ti ho suggerito come gestire il personale. In questo post, invece, ti suggerirò come costruire un team efficiente, capace di collaborare e di cooperare, in grado di ottimizzare sforzi, tempi e risorse.


Per approfondire leggi il post Il metodo casa-azienda: le Persone [Elemento n° 3].


 

Come costruire un team efficiente

Costruire un team efficiente è un’operazione molto impegnativa per un imprenditore e altrettanto necessaria. Per riuscirci devi seguire alcune regole basilari:

#1. Organizza

L’organizzazione è l’anima di un business perché permette di pianificare le strategie, di decidere gli obiettivi, di definire le azioni e di determinare i ruoli. Ogni membro del tuo team, infatti, deve avere un ruolo ben definito e adatto alle sue competenze e alle sue abilità, deve conoscere e comprendere con chiarezza qual è il suo compito e quali sono le sue responsabilità, deve capire quali sono i suoi limiti di azione e quali invece le potenzialità che può e che deve sviluppare. L’organizzazione è fondamentale per due ragioni:

  • fa sì che ognuno svolga il proprio lavoro in modo efficiente;
  • agevola il rispetto del proprio ruolo e di quello degli altri membri del team, evitando infruttuose incomprensioni.

#2. Conosci

Conoscere le persone che lavorano con te è la base preliminare e fondamentale per costruire un team coeso, collaborativo, efficiente e affidabile. Conoscere vuol dire saper valutare i punti di forza e quelli di debolezza di ogni membro del tuo team, avere chiaro in mente quali sono le potenzialità da sviluppare, quali i limiti da migliorare, quali le competenze su cui fare affidamento e quali le qualità umane di cui puoi fidarti. Inoltre, la conoscenza aiuta l’organizzazione: se conosci i membri del tuo team, sarà più facile e proficuo determinare i ruoli di ognuno e le varie collaborazioni.

#3. Definisci con chiarezza il ruolo del leader

Un team può funzionare con efficienza solo se è sorretto da una persona carismatica, in grado di indicare la strada da seguire e di guidarlo con sicurezza e affidabilità, senza tentennamenti, senza ingiustizie, senza insicurezze, senza incertezze. Il leader ha ben chiaro in mente quali sono gli obiettivi che il team deve raggiungere e sa come guidarlo per ottenerli. Risolutezza, stabilità, competenza, coerenza, carica emotiva forte, capacità di coinvolgere, capacità di ascoltare e di comunicare, sono tutte doti indispensabili per un buon leader.


Per approfondire leggi il post Chi è il Leader [+ Le 10 doti del Leader].


#4. Opta per un team di piccole dimensioni

I team più efficienti sono quelli di piccole dimensioni, in cui i flussi di comunicazione sono più diretti e veloci e nei quali l’imprenditore deve fare i conti con un minor numero di problemi e di difficoltà legati alla personalità di ogni membro, alle capacità, all’emotività, alle insoddisfazioni e ai rapporti umani che si stabiliscono.

#5. Ascolta e comunica

L’ascolto e la comunicazione, ancora troppo spesso sottovalutati, sono l’ingrediente indispensabile sia per conoscere i membri del team, sia per prevenire o, in ogni caso, comprendere e risolvere i problemi prima che diventino ingovernabili sia per spronare le persone a esprimere al meglio le proprie capacità e potenzialità.

#6. Delega

Quello della delega è il principio di base del metodo casa-azienda. Le aziende di successo sono quelle in cui ogni professionista svolge il suo compito con efficacia e seguendo specifiche procedure. Compito dell’imprenditore, quindi, è quello di decidere la squadra di collaboratori che lo supporteranno, di delega a ognuno le varie attività da compiere, di stabilire le relative procedure e di tenere sotto controllo. E’ chiaro, quindi, che delegare significa crescere.


Per approfondire leggi il post Business: perché delegare è importante? Come delegare?.


Vuoi ricevere maggiori informazioni? Vuoi iscriverti al corso-concorso Out of the Cage?
Accedi qui!

 

Condividi questo post


Mostra
Nascondi