Investimenti immobiliari: come valutare la zona dell’immobile

come valutare la zona dell'immobile

Investimenti immobiliari: come valutare la zona dell’immobile

Rischiare il meno possibile e ricavare il maggior guadagno possibile: è questo il principio che guida la logica degli investimenti immobiliari, ottime fonti di reddito a patto che tu sappia realmente come muoverti nel settore, come, quando e quanto investire, come, quando e a quanto rivendere.

Nel post Le 3 regole per valutare un immobile [E investire in modo profittevole] ti ho suggerito che vi sono tre criteri basilari e fondamentali per capire se l’acquisto e la rivendita di quel preciso immobile è un’azione conveniente e profittevole oppure no:

  1. devi valutare la zona in cui l’immobile è situato;
  2. devi cercare i don’t wanters, ovvero quelle persone che non solo vogliono vendere, ma che devono vendere;
  3. devi valutare il contesto in cui si colloca l’immobile.

In questo post approfondiremo la prima di queste tre regole, ovvero cercheremo di capire insieme come valutare la zona dell’immobile.

 

Leggi anche:

 

Come valutare la zona di un immobile

Perché saper valutare la zona dell’immobile è così importante? Per un questione molto semplice e altrettanto fondamentale: il medesimo immobile, nelle medesime condizioni generali e con le stesse caratteristiche, assume valori diversi a seconda della sua localizzazione.

Per valutare la zona in cui si trova un immobile devi analizzare i seguenti fattori:

  • l’immobile si trova in una grande città, in un paese, in una zona di campagna, dove? A seconda della zona in cui si trova muterà il valore dell’immobile;
  • l’immobile è situato in una zona studentesca o turistica o ad alta densità industriale? Tutte queste sono situazioni che accrescono il valore dell’immobile;
  • l’immobile è situato in una zona centrale, periferica o semiperiferica? Più un immobile è situato in una zona centrale o vicina al centro e tanto più il suo valore aumenterà;
  • cosa esiste nelle vicinanza dell’immobile? Ci sono centri commerciali? Ci sono farmacie, supermercati, palestre e infrastrutture varie? E’ ovvio che la presenza di queste aumenterà il valore dell’immobile.

Tanto utile quanto necessario è il servizio messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate sul suo sito, che si serve ed elabora dati ricavati dalle vendite reali effettuate. Nella pagina Banca dati delle quotazioni immobiliari puoi eseguire una ricerca per Comune o per quartiere e come risultato otterrai una fascia di prezzo che ti indicherà il valore minimo e il valore massimo dell’immobile, espresso in euro al metro quadrato e calcolato sulla superficie lorda, quindi inclusi i muri interni ed escluse le murature esterne.

 

Come valutare la zona di un immobile Condividi il Tweet

 

Il mio consiglio per valutare efficacemente la zona dell’immobile

Come ti ho già suggerito, il mio consiglio per riuscire a valutare attentamente ed efficacemente la zona in cui si trova l’immobile su cui vuoi investire è quello di esplorare, conoscere e specializzarti nel mercato immobiliare di specifici quartieri di grandi città oppure in quello di zone di particolare interesse turistico. In ogni caso, l’ideale è avere conoscenza approfondita dei territori in cui il flusso di compravendita degli immobili è cospicuo e importante.

 

 

Vuoi diventare un imprenditore immobiliare?
Iscriviti alla mia newsletter e ti invierò suggerimenti e consigli preziosi.
Iscriviti ora!

 

 

Condividi questo post


Mostra
Nascondi